in

Florenzi: “La maglia della Roma è la mia seconda pelle”

Alessandro Florenzi
Alessandro Florenzi, giocatore della Roma

Alessandro Florenzi è stato intervistato dai canali ufficiali del Paris Saint Germain all’interno della rubrica “Il mio viaggio a Parigi”. Con l’aiuto di alcune immagini, l’ex difensore della Roma ha rilasciato dichiarazioni riguardanti sia le sue esperienze passate che il suo presente. Queste le sue parole.

Ricordi di Roma

Ho due emozioni che più mi porto dentro, risalenti all’anno in cui ero capitano della Primavera: la prima è quella di aver vinto lo scudetto, la seconda quella di aver esordito in Nazionale. La maglia della Roma è come una seconda pelle, mi ha fatto crescere come uomo e come giocatore, non potrò mai dimenticarla. Sono davvero orgoglioso di essere riuscito a realizzare il mio sogno, che da bambino nato a Roma e da giocatore della Roma, era quello di giocare per questa fantastica maglia”.

Parigi

“A Parigi ero già stato con mia moglie quando eravamo poco più di due bambini, prima di Natale. Avevamo 18-19 anni, è stato uno dei nostri primi viaggi fuori dall’Italia. Quando siamo arrivati ​​qui abbiamo subito ricordato quell’esperienza. È una città affascinante, una delle più belle al mondo. I primi giorni qui sono stati un po ‘caotici, tutto è stato veloce perché ero in nazionale. Sono riuscito a ottenere una bella casa dove potrò sicuramente ammirare le grandi strutture di Parigi.

Somiglianze tra Roma e Parigi

“Una cosa che Roma e Parigi hanno in comune è che entrambe le città sembrano un museo a cielo aperto.  Roma lo è ancora di più per i suoi scavi.  Ovunque ti giri trovi qualcosa di interessante”.

Il PSG

“È una delle migliori squadre al mondo, è la storia degli ultimi anni che lo dice. Sono cresciuti molto, hanno giocatori fantastici. Vogliono vincere qualcosa di importante, dovremo cercare di vincere quante più partite possibili, sia in campionato che in coppa, e arrivare fino in fondo in Champions League. Cercherò di dare il mio contributo per portare a casa quante più vittorie possibili e aiutare la squadra. Proverò a fare quello che ho sempre fatto con qualsiasi maglia: dare il 100% e uscire con la maglia sudata”.

Due ex romanisti in squadra

“Sono stato molto fortunato ad aver trovato ragazzi come Verratti, Marquinhos, Icardi o Paredes nella squadra. Con due di loro ho già giocato nella Roma. Mi hanno aiutato a integrarmi in un gruppo ben consolidato, dove tutti erano molto disponibili. Si sono rivelati i campioni che sono anche umanamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chris Smalling, difensore del Manchester United

Qui Trigoria, individuale per Spinazzola e Smalling, out contro l’Ajax

Paulo Fonseca, allenatore della Roma

Roma-Ajax, Fonseca: “Dobbiamo giocare con equilibrio e concentrazione”