in

Roma, parla l’ex Mexes: “Sono rimasto legato alla capitale, qui sono cresciuto tanto”

Un passato da protagonista nella capitale

Oggi Philippe Mexes è intervenuto ai microfoni di Retesport. L’ex difensore francese ha trascorso gran parte della sua carriera calcistica nella capitale, giocando per 7 anni con la maglia della Roma, dal 2004 al 2011, quando è stato ceduto al Milan. Con i giallorossi ha conquistato 2 Coppa Italia e 1 Supercoppa italiana.

LEGGI ANCHE: Roma, Bove: “Che brividi l’inno, un gol sotto la Sud allo scadere un sogno”

Queste le dichiarazioni di Mexes all’emittente radiofonica: “Torno spesso a Roma, e spesso vivo qui, altre volte vivo in Francia. Nella capitale sono maturato e ho passato tanti anni, quindi non posso che esser contento di tornare qui. Era importante per me crescere nella capitale, anche perchè era la mia grande occasione dopo un inizio di carriera nel campionato francese. All’inizio ho faticato, trovavo poco spazio e i tanti cambi di allenatore non aiutavano, ma per fortuna dopo tutto è andato per il meglio”. Così si è espresso invece sull’ambiente romano: “Qui è importante far vedere ai tifosi che in partita dai sempre tutto, e loro ti faranno vedere il loro affatto. La piazza è fantastica, mi sono sempre sentito parte di una famiglia. Totti ci ha insegnato più di tutti l’amore ed il rispetto per questa maglia“.

LEGGI ANCHE: Serie A: anticipi, posticipi e dove vedere la Roma dall’ 8^ alla 19^ giornata

Quel Roma-Sampdoria del 2010

L’ex centrale francese guidò la difesa della Roma anche nel campionato 2009-2010, quello vinto dall’Inter del triplete, con i giallorossi che arrivarono a due punti dai nerazzurri. Decisiva in questi termini fu la sconfitta contro la Sampdoria di Pazzini e Cassano, che condannò il club capitolino al secondo posto. Ecco le sue parole: “Questa è la partita che mi fa più male di tutte, perchè perdemmo lo scudetto che ci meritavamo e che a Roma mancava dal 2001. Sapevamo quanto contasse per la città, ma nel secondo tempo abbiamo commesso delle ingenuità, che abbiamo pagato a caro prezzo“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Roma, Bove: “Che brividi l’inno, un gol sotto la Sud allo scadere un sogno”

Mercato Roma, Diogo Dalot altro nome per la difesa