in

Roma, un “no” netto alla Superlega condiviso anche da mister Fonseca

Dan e Ryan Friedkin a Roma
Dan e Ryan Friedkin a Roma (@laPresse)

Nella serata di ieri la Roma ha rilasciato un comunicato mediante il quale prendeva le distanze da un suo possibile coinvolgimento nella Superleague. Una posizione netta, che non lascia spazio a fraintendimenti. Il club guidato dalla famiglia Friedkin ha espresso in poche parole ciò che quasi tutti gli addetti ai lavori, ma soprattutto i tifosi, hanno gridato fin da subito appresa la notizia di questa lega elitaria. La società giallorossa nel comunicato, qui riportato in versione integrale, ha condannato questa idea di modello “chiuso”, che era alla base della nascita di questa competizione. Una “super league” divisiva. Esattamente. Le fondamenta di questo strampalato progetto avrebbero rivoluzionato il calcio ma soprattutto avrebbero reso ancor più marcate le evidenze fra i club già grandi e coloro che nutrono ancora l’ambizione di diventarlo. Con fierezza la Roma si è schierata a favore dei propri tifosi e del Calcio.

Il comunicato ufficiale

Ci rivolgiamo ai nostri incredibili tifosi e sostenitori dopo il recente annuncio di una “super league” divisiva.

L’AS Roma è fortemente contraria a questo modello “chiuso”, perché totalmente in contrasto con lo spirito del gioco che tutti noi amiamo.

Certe cose sono più importanti del denaro e noi restiamo assolutamente impegnati nel calcio italiano e nelle competizioni europee aperte a tutti.

Non vediamo l’ora di continuare a lavorare con la Lega Serie A, la Federazione Italiana, l’ECA  e l’UEFA per far crescere e sviluppare il gioco del calcio in Italia e in tutto il mondo.

I tifosi e un calcio accessibile a tutti sono al centro del nostro sport e questo non deve essere mai dimenticato.

Il giudizio di mister Fonseca

Il tecnico portoghese si è espresso in merito alla questione senza troppi giri di parole.

“Devo dire che, quasi come tutti gli allenatori, sono totalmente contrario alla Superlega. Devo dire inoltre che in questo momento sono un allenatore molto orgoglioso di far parte del calcio. Il calcio in questo momento mi ha dimostrato una cosa: chi manda avanti il calcio non sono i soldi ma i tifosi, i giocatori e gli allenatori.Sono molto orgoglioso di questa posizione di tutti i professionisti del calcio e resto totalmente contro a questa Superlega. Ovviamente sono orgoglioso della posizione della Roma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Paulo Fonseca, allenatore della Roma

Fonseca: “I bilanci facciamoli alla fine. Voglio sempre una Roma motivata”

Pedro, attaccante della Roma

Roma, stop anche per Pedro. La situazione degli infortunati