Zaniolo si racconta tra gli inizi e la sua Roma: “Il primo gol l’emozione più bella”

Il 22 giallorosso ha raccontato la sua ascesa ai microfoni di DAZN, dai primi calci alla Nazionale

ROMA – Nicolò Zaniolo è uno dei migliori talenti del calcio italiano ed europeo e lo sta dimostrando anche in questa stagione. La crescita esponenziale del classe ’99 è stata evidenziata anche dal CIES, che lo ha valutato ben 86 milioni dopo gli aggiornamenti rilasciati nella giornata di ieri. L’ex Inter si è raccontato nel corso della trasmissione piedi x terra di DAZN parlando dei primi calci al pallone e di un inizio di carriera non facile: ” Nella mia carriera calcistica, soprattutto nel settore giovanile, non sono stato uno di punta, non sono mai stato visto come uno che doveva arrivare. Ero piccolo fisicamente, dovevo ancora entrare nella fase dello sviluppo, ma ho sempre lavorato e quando la Fiorentina mi ha scartato per motivi tecnici sono andato via ma con la stessa voglia ed entusiasmo sono andato all’Entella, dove ho trovato più spazio e persone che credevano in me”.

Zaniolo ha poi parlato dell’esordio con la maglia della Roma al Bernabeu: ” Non ti nascondo che sapevo di giocare al Bernabeu fin dalla mattina, sono rimasto tutto il giorno a fissare il soffitto, incredulo. Sembravo paralizzato, ero stato al Bernabeu, ma solo per una gita. Nel sottopassaggio non vedi il campo, vedi solo accanto a me una muraglia di maglie bianche e campioni come Ramos, Bale e Modric.”

Roma, Zaniolo: “Contro il Sassuolo non potevo sbagliare, sono stato freddo. Le critiche? Mi fortificano”

Il numero 22 dei giallorossi ha poi parlato del suo primo gol in A: ” Avevo iniziato a giocare con continuità. Venivamo dalla partita contro il Cagliari in cui avevo avuto  3-4 occasioni in cui avrei potuto fare meglio e per tutta la settimana sono stato a pensare a quelle occasioni, quindi lo cercavo tantissimo. Contro il Sassuolo sono arrivato davanti alla porta e ho detto «Non posso più sbagliare»”. Infine ha voluto parlare delle numerose critiche che ha ricevuto nell’ultimo anno: ” L’anno scorso c’è stato un periodo dove si aspettavano tanto da me perché avevo fatto tanto e non riuscivo. Non mi sono mai abbattuto, anzi sono sempre sceso in campo col sorriso cercando di dare il massimo e migliorare. Poi una società e una piazza come la Roma richiede tanto ed è giusto che si siano state delle critiche se le prestazioni non erano all’altezza.”

Loading...

ROMA – Nicolò Zaniolo è uno dei migliori talenti del calcio italiano ed europeo e lo sta dimostrando anche in questa stagione. La crescita esponenziale del classe ’99 è stata evidenziata anche dal CIES, che lo ha valutato ben 86 milioni dopo gli aggiornamenti rilasciati nella giornata di ieri. L’ex Inter si è raccontato nel corso della trasmissione piedi x terra di DAZN parlando dei primi calci al pallone e di un inizio di carriera non facile: ” Nella mia carriera calcistica, soprattutto nel settore giovanile, non sono stato uno di punta, non sono mai stato visto come uno che doveva arrivare. Ero piccolo fisicamente, dovevo ancora entrare nella fase dello sviluppo, ma ho sempre lavorato e quando la Fiorentina mi ha scartato per motivi tecnici sono andato via ma con la stessa voglia ed entusiasmo sono andato all’Entella, dove ho trovato più spazio e persone che credevano in me”.

Loading...

Zaniolo ha poi parlato dell’esordio con la maglia della Roma al Bernabeu: ” Non ti nascondo che sapevo di giocare al Bernabeu fin dalla mattina, sono rimasto tutto il giorno a fissare il soffitto, incredulo. Sembravo paralizzato, ero stato al Bernabeu, ma solo per una gita. Nel sottopassaggio non vedi il campo, vedi solo accanto a me una muraglia di maglie bianche e campioni come Ramos, Bale e Modric.”

Roma, Zaniolo: “Contro il Sassuolo non potevo sbagliare, sono stato freddo. Le critiche? Mi fortificano”

Il numero 22 dei giallorossi ha poi parlato del suo primo gol in A: ” Avevo iniziato a giocare con continuità. Venivamo dalla partita contro il Cagliari in cui avevo avuto  3-4 occasioni in cui avrei potuto fare meglio e per tutta la settimana sono stato a pensare a quelle occasioni, quindi lo cercavo tantissimo. Contro il Sassuolo sono arrivato davanti alla porta e ho detto «Non posso più sbagliare»”. Infine ha voluto parlare delle numerose critiche che ha ricevuto nell’ultimo anno: ” L’anno scorso c’è stato un periodo dove si aspettavano tanto da me perché avevo fatto tanto e non riuscivo. Non mi sono mai abbattuto, anzi sono sempre sceso in campo col sorriso cercando di dare il massimo e migliorare. Poi una società e una piazza come la Roma richiede tanto ed è giusto che si siano state delle critiche se le prestazioni non erano all’altezza.”

ROMA – Nicolò Zaniolo è uno dei migliori talenti del calcio italiano ed europeo e lo sta dimostrando anche in questa stagione. La crescita esponenziale del classe ’99 è stata evidenziata anche dal CIES, che lo ha valutato ben 86 milioni dopo gli aggiornamenti rilasciati nella giornata di ieri. L’ex Inter si è raccontato nel corso della trasmissione piedi x terra di DAZN parlando dei primi calci al pallone e di un inizio di carriera non facile: ” Nella mia carriera calcistica, soprattutto nel settore giovanile, non sono stato uno di punta, non sono mai stato visto come uno che doveva arrivare. Ero piccolo fisicamente, dovevo ancora entrare nella fase dello sviluppo, ma ho sempre lavorato e quando la Fiorentina mi ha scartato per motivi tecnici sono andato via ma con la stessa voglia ed entusiasmo sono andato all’Entella, dove ho trovato più spazio e persone che credevano in me”.

Zaniolo ha poi parlato dell’esordio con la maglia della Roma al Bernabeu: ” Non ti nascondo che sapevo di giocare al Bernabeu fin dalla mattina, sono rimasto tutto il giorno a fissare il soffitto, incredulo. Sembravo paralizzato, ero stato al Bernabeu, ma solo per una gita. Nel sottopassaggio non vedi il campo, vedi solo accanto a me una muraglia di maglie bianche e campioni come Ramos, Bale e Modric.”

Roma, Zaniolo: “Contro il Sassuolo non potevo sbagliare, sono stato freddo. Le critiche? Mi fortificano”

Il numero 22 dei giallorossi ha poi parlato del suo primo gol in A: ” Avevo iniziato a giocare con continuità. Venivamo dalla partita contro il Cagliari in cui avevo avuto  3-4 occasioni in cui avrei potuto fare meglio e per tutta la settimana sono stato a pensare a quelle occasioni, quindi lo cercavo tantissimo. Contro il Sassuolo sono arrivato davanti alla porta e ho detto «Non posso più sbagliare»”. Infine ha voluto parlare delle numerose critiche che ha ricevuto nell’ultimo anno: ” L’anno scorso c’è stato un periodo dove si aspettavano tanto da me perché avevo fatto tanto e non riuscivo. Non mi sono mai abbattuto, anzi sono sempre sceso in campo col sorriso cercando di dare il massimo e migliorare. Poi una società e una piazza come la Roma richiede tanto ed è giusto che si siano state delle critiche se le prestazioni non erano all’altezza.”

Loading...

ULTIMA ORA

Atalanta Roma, gara della vita: senza i 3 punti tutto può tornare in discussione

Non sarà certo facile giocarsela contro l'Atalanta di Gasperini. Scontro diretto per un posto all'Europa che conta, Champions League che adesso più che mai...

Roma, adesso sono tutti in discussione

Fonseca, Fienga e Petrachi sembra abbiano perso le redini della squadra ma avrebbero già mosso i primi passi per farla tornare in carreggiata. La sconfitta,...

Roma, Petrachi sul banco degli accusati: si guarda al sostituto

La Roma non sta raccogliendo quanto sperato. Un 2020 da zero in pagella, partendo dalla sfida interna contro il Torino finendo poi alla disfatta...

Roma, Fonseca si prende la colpa: “Io sono il responsabile maggiore”

"E' un problema di testa". Sono state queste le prime parole usate dal portoghese per cercare di analizzare i problemi che da inizio 2020 affliggono...

Roma, Kolarov : “Ora si devono vedere gli uomini”

Le parole di Fonseca e Kolarov sembrano dette dalla stessa persona perché i concetti, i contenuti e i termini, se sono gli stessi, si somigliano. Il...

ROMA-BOLOGNA 2-3, seconda sconfitta consecutiva per Fonseca in campionato

Continua il momento buio della Roma. Sin dai primi minuti di gioco la retroguardia difensiva è andata in difficoltà lasciando diversi spazi agli attaccanti...

ROMA-BOLOGNA, le formazioni ufficiali: Mhkitaryan a sorpresa, out Kluivert

ROMA - Roma-Bologna, anticipo della 23° giornata, con i giallorossi che mirano a conquistare la vittoria contro i felsinei guidati da Sinisa Mihajovic. Il...

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!